.
Annunci online

scrivendomi
18 febbraio 2009
Il culo di Bonolis
 Bonolis ha un culo meraviglioso. Tutti vorremmo averlo come lui. 14 e passa milioni di telespettatori per la serata di esordio di un festival noioso come tutti gli altri. Ditemi se questo risultato non è degno da un cispagno da Nobel?
Sarà stato quel costante "seguiteci se lo vorrete", che Paolo ha intercalato spesso e volentieri nel corso di tutta la serata (sarà che in tempi di invasioni costanti, sentire qualcuno che parla con garbo, che invitando usa il condizionale, pare un'eccellenza), sarà stata la voce di Mina su un Puccini, che, secondo il mio modesto avviso non le è calzato per nulla a pennello (azzz, ma un remake sbarazzino di Tintarella di luna non sarebbe stato meglio?), sarà stato Benigni/monumento che ha fatto ridere e più che ridere (facendo esplodere di felicità  pancia, testa, occhi e cuore), sarà stato Povia e il suo cartello (unica nota stupida in un'esibizione intelligente), sarà stata quella perla, sul finale, quella canzone, Egocentrica, sussurrata e "improvvisata" da una cantante sconosciuta, tale Simona Molinari che, ne sono certa, diventerà qualcuno ( jazzista di lusso, propinata intorno all'1 di notte, con tanto di assolo alla tromba del grande Fabrizio Bosso). Sarà stato che Paolino, molto semplicemente, ha culo. Punto. L'impresa non era facile. Non lo era davvero. In tempi in cui la Rai non ne azzecca una, quanto a media event, centrare la carta Sanremo, dopo il fallimento baudesco dello scorso anno, era davvero una bella scommessa. Paolo ce l'ha fatta, anche perchè, se è "buona la prima" le altre non potranno che andare bene. Già lo immagino, appena sveglio, stamattina, con il cuore mezzo in gola e mezzo nella pancia, ad aspettare il supplizio dei dati Auditel. Provo a immaginarne la gioia all'arrivo dei fantomatici "fax dalla centrale romana". Piaccia o non piaccia, Bonolis ha due pregi: non si risparmia e sa essere convincente sempre. Che questo basti, in tempi di qualunquismo, di poco impegno e di superficialità? Se ieri è riuscito a condurre nave naviganti fino allla prima meta, direi di sì.
Vedremo adesso che succederà.

Ps: Caro A la mia dolce mammina, finito il Festival mi ha chiesto: "ma un c'è un Dopo Festival?"
Azzz, "picca ci parsi"....TA



permalink | inviato da Maristella il 18/2/2009 alle 10:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

font>

Su di me: sono una trentenne "immatura", sono una giornalista, mi piacerebbe diventare una chef e adottare una colonia di labrador. Per ora mi "accontento" della mia dolce Dafne

Grazie ad Alessandro, con lui ogni giorno è una scoperta,

Grazie a mia nonna, che da piccola mi raccontava le favole e che mi ha fatta innamorare della narratività

Il libro che mi ha cambiato la vita: Le notti bianche

Quello di cui posso fare volentieri a meno: l’Ulisse di Joyce

Giornali: Repubblica, Giornale di Sicilia, Daily Telegraph, Libero, l'Espresso, Fronimo"

Films: Nuovo Cinema Paradiso, The others, American Beauty, Jules et Jim, La sconosciuta

Le parolacce? Servono a toglierci dalla vetrina imperfetta delle nostre buone intenzioni.

Il mio pregio/difetto: Sono un'inguaribile nostalgica

Una canzone per svegliarsi: Egocentrice di Simona Molinari

per lavorare, mentre scrivo: Ludovico Einaudi

per addormentarmi: Fado Mae di Dulce Pontes

Il mio uomo ideale: semplicemente A

A cena con: Corrado Augias, per chiederli se è vero, come dice nel suo ultimo libro, che a tredici anni riuscì a leggere "Guerra e pace"

Il viaggio: A marzo scorso, il giro d'Italia in macchina con Alessandro e Dafne

L’intervista: ad Andrea Camilleri, ero giovanissima, per nulla altezza e allora mi resi conto, una volta e per tutte, che l’umiltà è un’arma inossidabile

Sogno sotto il cuscino: aprire un ristorante

Dipendenze: Cpizza, cioccolata, almeno una canzone della Pausini al giorno

Sulla religione
: credo che Dio, dall'alto, sorrida e pensi "Fate pure l'amore e pensate meno gli uni ai fatti degli altri".